?

Log in

 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
C'era un tempo - viggiuro - in cui la stagione estiva era la stagione di pausa anche per la televisione. Ve lo ricordate? Pure in Italia. Che avevano mandato in onda un anime nuovo nuovo per 2-3 mesi e poi all'improvviso, specie se era uno di quelli lunghi, col primo di luglio cominciavano le repliche e vi dicevano che le nuove puntate sarebbero andate in onda a partire da settembre. E uno si rassegnava a una lunga estate priva di roba da guardare. Era triste, e infatti è una cosa che è cambiata a dimostrazione che l'umanità non è tutta brutta e scema e ogni tanto impara dai propri errori. La gente che fa i telefilm adesso è la generazione che è cresciuta con le estati piene di repliche, e infatti adesso le estati sono piene di robe nuove da guardare.
E' stato dunque introdotto un nuovo concetto, quello di "serie estiva", che fino a un paio di annetti fa ancora reggeva. Una serie estiva era una serie di basse pretese, possibilmente anche a basso costo, divertente e intrattenitiva, insomma, una roba che la gente poteva guardare senza stare troppo a lambiccarsi il cervello, una roba tipo la prima stagione di Continuum che è la realizzazione perfetta del concetto di "serie estiva", e che peraltro è ancora più calzante come esempio quando ne osserviamo il cambiamento nel corso delle due stagioni successive.
Questo perché a una certa, durante la seconda stagione, Continuum ha smesso di essere una serie estiva, decidendo di aspirare a qualcosa di più complesso nonostante continuasse ad andare in onda d'estate. Il risultato è stato una seconda stagione dalla prima metà scialba e dalla seconda metà esplosiva che purtroppo non ha saputo mantenere le sue promesse con una terza stagione piuttosto catastrofica e nel complesso fallimentare. Questo perché non tutte le serie estive hanno l'ossatura abbastanza forte da provare a giocarsi la carta della "serie invernale in estate". Continuum, tipo, non era proprio cosa.
La cosa che è successa è stata che il concetto stesso di serie estiva si è andato perdendo. Fatevi un giro sul palinsesto delle serie TV che vanno in onda soltanto sui canali USA in questo periodo, fate il conto delle repliche, fate il conto della roba nuova. Le "serie estive", quelle tutte leggerezza e intrattenimento, senza pretese di alcun tipo, si contano sulle dita di una mano.
Quindi cosa succede, succede che ci sono un sacco di robe belle da guardare in estate. Ce ne sono anche un sacco brutte, ma ce ne sono di più belle, sorprendentemente, e mi pareva carino parlarne un attimo, visto che magari, oh, ci sta, alcuni non lo sanno, ancora, che l'estate non è più il momento delle repliche, e che ora avete un sacco di nuove scuse per chiudervi in casa anche ad agosto ed evitare di andare a mare per maratonare la vostra nuova serie preferita della quale fino a ieri non conoscevate ancora neanche il titolo!

8 serie che è estate ma non è vero che non c"è niente da vedereCollapse )

Non vorrei creare malintesi, non facciamo finta che ora l'estate sia diventata un momento magico in cui i telefilm brutti non esistono. I telefilm brutti sono come i libri brutti, come i film brutti, come i quadri brutti, conseguenza diretta del fatto che la libertà di espressione viene spesso fraintesa dall'umanità e considerata libertà di produrre ciofeche. E ciofeche ce ne sono tante, in giro, così come ci sono robe brutte, robe bruttarelle e robe carine che però potrebbero essere meglio. Di tutto questo grande calderone di robe "meh" si occupa questa seconda parte di consigli per riempire i tediosi e caldi pomeriggi estivi, anche stavolta in ordine sparso perché anche se ci ho messo due giorni a scrivere questo post le classifiche mi stanno ancora sul culo.

8 serie che va bene che è estate, ma loro se ne approfittano (epperò, in mancanza d"altro...)Collapse )

E questa ero io che ogni tanto parlare di serialità mi manca tantissimo, per cui vi rovescio addosso la mamma delle mie opinioni che nessuno voleva sentire. Magari verso fine agosto vi faccio anche un altro post più piccino sulla roba che potete aspettavi da settembre -- nella mia esperienza non esiste mai un momento della propria vita in cui un essere umano non ha bisogno di un altro essere umano che gli consigli nuove serie tv da guardare. Poi boh. Che ne dite?
 
 
Current Music: Arcade Fire - Rebellion (Lies) | Powered by Last.fm
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò

Due settimane fa è cominciata la settima stagione di True Blood, che sarà anche l'ultima. Sono stati sette anni intensi, non sempre ci siamo divertiti (mi torna in mente l'incubo infinito della quarta stagione, ad esempio), ma il più delle volte ce la siamo goduta un mondo. Se siete fra coloro che non hanno mai avuto modo o occasione di recuperare questa serie, vi consiglio di farlo adesso, di divorarla tutta una stagione di seguito all'altra, che è sempre il modo migliore per godersi le serie perché, senza interruzioni e senza attese, sembra tutto sempre più bello. Se siete fra gli hipster che invece pensano che dalla terza stagione in poi sia stato tutto un calando, che True Blood non è più quello di una volta, che signora le mezze stagioni non ci sono più, e ormai tutta la frutta e la verdura è coltivata in serra e i sani frutti della terra e si stava meglio quando si stava peggio e che in sostanza, insomma, siete contenti che True Blood finisca perché è diventato brutto e non vedete l'ora che si tolga dalle palle, uscite fuori da casa mia e non rientrateci più.
True Blood ha avuto bei momenti, bellissimi momenti, mediocri momenti e pessimi momenti, ma non è mai cambiato. E' ancora lo stesso show che se ne strafrega e fa il cazzo che vuole, e Dio lo benedica per questo. E a me mancherà da morire.
E se vi serve una prova, il cold open del secondo episodio della settima stagione è quello che volete X'D UNNECESSARY AND COMPLETELY OUT OF CONTEXT GAY PORN! \O/
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
01 July 2014 @ 05:50 pm
Ieri MyMovies ha dato La mossa del pinguino (Claudio Amendola, 2013) in streaming gratis su MyMoviesLive

(che, se non sapete cos'è -- attimo di pubblicità progresso --, è la piattaforma di MyMovies sulla quale vengono programmati settimanalmente un mucchio di film in streaming gratuito, non soltanto di recente uscita, comprese un sacco di robine che non sono mainstream per niente ma possono spesso essere un sacco interessanti; in più ogni tot fanno le retrospettive, tipo dal sei luglio in poi hanno in programmazione la filmografia intera di Truffaut, che io piuttosto mi sparo in una gamba ma magari laggentecolta gli vuole dare un'occhiata)

e non voglio stare qui a parlarne facendo la recensione minuziosa perché il film è simpa ma non colpisce granché (ha una buona prima metà, poi diventa praticamente insoffribile e lo resta fino alla fine, ma ha un buon Ricky Memphis, un buon parco comprimari, e poi c'è Edoardo Leo che, se non lo sapete, al momento è THE SHIT, nel senso che se state girando un film e putacaso non c'è dentro Edoardo Leo mi dispiace per voi ma cioè siete troppo out).

Non colpisce granché, dicevo, non resta impresso tranne per dei momenti onestamente molto buoni, però mi ha portata a riflettere su una roba che non ci avevo mai fatto caso e invece dovremmo tutti farci caso più spesso.

L'eroe delle "storie di vita quotidiana" che ci viene proposto sempre più spesso.

Al 99,9%.

E' un uomo di merda.

Riflettiamoci un secondo, prendiamo ad esempio la vicenda del signor Bruno che con tanta passione e compartecipazione e molta empatica tenerezza ci viene appunto raccontata da Amendola, non senza una certa sensibilità, ne La mossa del pinguino. Il signor Bruno vive una situazione di disagio tipica di molti italiani, al momento: ha un lavoretto precario come inserviente di notte in un museo romano assieme all'amico Salvatore, prende uno stipendio da fame, spesso e volentieri non riesce a pagare l'affitto e pertanto si ritrova con una moglie cassiera sottopagata e un figlio in età scolare sull'orlo dello sfratto, di fronte a sé solo incertezze e nessuna prospettiva di miglioramento.

Bruno, interpretato da Edoardo Leo che c'ha la faccia e l'atteggiamento giusti per interpretare la parte con una certa scioltezza, è descritto come un inguaribile sognatore, sempre pronto a lanciarsi in un'impresa assurda dopo l'altra nel tentativo di trovare quella che finalmente gli consentirà "la svolta" (concetto ormai comune ma molto poco pratico: quell'occasione fortunata e perfetta che ti permette di fare un mucchio di soldi in pochissimo tempo, cambiando vita e diventando una persona migliore; insomma, la fantasia dei disperati).

Problema: Bruno - letteralmente - è un buono a niente. Non solo non ha competenze specifiche particolari (al di là del titolo di studio, intendo: non sa fare niente di particolare, non ha una passione specifica nella quale eccella, niente; per tutta la durata del film non ci viene mai neanche una volta detto se abbia un hobby o meno, ed è in realtà del tutto irrilevante, perché la cosa importante è proprio quella, che Bruno è un incompetente, un buono a nulla come un altro, uno che ha vissuto sempre di quello che passava il convento, senza passioni reali, senza interessi), ma è palesemente un imbecille, tant'è che tutte le imprese in cui si lancia di testa, trascinandosi dietro spesso e volentieri il povero Salvatore, che è un santo martire, sono robe surreali: costruire un delfinario nel lago di Bracciano, ad esempio; oppure inventarsi giocatore di curling solo perché il suo lavoro consiste nel pulire pavimenti con uno scopettone e che differenza potrà mai esserci fra usare uno scopettone per spazzare e usarne un altro per grattare il ghiaccio?

Fosse solo questo il problema, essere un imbecille, comunque, sarebbe poca roba. Il problema vero di Bruno è che è appunto un uomo di merda. Viene descritto come un sognatore, un idealista, uno che spera nel futuro e nella grandezza perché non può accettare l'idea di vivere tutto il resto della propria vita nelle condizioni in cui la vive ora. Giustissimo, ma se questo si traduce nella più assoluta mancanza di rispetto di tutte le persone che lo amano e che vivono insieme a lui, essere un sognatore e volere di meglio dalla vita non lo redime.

Nella situazione di specie, ad esempio, fra le varie merdate che Bruno combina in quest'ora e mezza di film oltre a buttare al cesso milleduecento euro dopo essersi fatto gabbare come un cretino ed oltre a mollare il suo migliore amico perché gli dice male nel momento in cui invece Salvatore avrebbe più bisogno di lui, Bruno fa una roba gravissima, una roba ingiustificabile, una roba che io ho detto "ma che, davèro?" e non sono riuscita a perdonarlo per tutto il resto della visione: a una certa, la moglie Eva, cercando di mettere una pezza sulla questione della casa che stanno per perdere, preleva i risparmi che i due erano riusciti a mettere da parte per l'istruzione del figliolo (quattromila euro) e gli dice: tieni, usiamoli per pagare sei mesi di affitto anticipato per quella casetta che avevamo visto. Risolviamo questo problema. E Bruno dice sì.

Ora, coi trascorsi di Bruno la moglie magari poteva farsi furba e pensarci personalmente, a risolvere il problema della casa. Ciò non toglie che quei quattromila euro Bruno li prende e, naturalmente senza dire niente alla moglie, li usa per pagare l'attrezzatura da curling di seconda mano per se stesso e per i suoi compagni di squadra. Posto di fronte alla scelta: troviamo un tetto sotto il quale vivere prima che ci buttino per strada fra un mese, o inseguiamo questo tuo sogno surreale di arrivare alle Olimpiadi con un quartetto di incompetenti tanto simpatici quanto disorganizzati e inadatti, lui decide di scegliere la seconda via, di fregarsene del fatto che la sua famiglia sta per essere sfrattata, che quelli sono i risparmi faticosamente messi da parte per il bambino, che sua moglie si sta fidando di lui. Lui fa sostanzialmente come cazzo gli pare. Perché? Perché non gliene frega niente. Perché niente, nella sua personale gerarchia dei valori, sta sopra a fare qualsiasi cosa per "la svolta". Niente, neanche la sua famiglia, suo figlio, la sua casa, il suo lavoro. Niente è importante, tranne - in buona sostanza - quello che vuole lui.

La cosa poteva essere accettabile se questa fosse stata la parabola di un uomo che, inseguendo le sue minchiate, perdeva tutto. Lavoro, famiglia, amici, tutto. Questo succede nella vita reale, d'altronde, quando metti te stesso e le tue minchiate prima di tutto il resto: che quel "tutto il resto" lo perdi.

E invece no: da metà film in poi comincia il riscatto, o meglio il tentativo disperato del film di riscattare questa figura umana cercando di ammantarla di buona fede, speranza, idealismo e quant'altro, nella speranza di riuscire a ripulirla abbastanza da farne un eroe buono, con qualche difetto sì, ma buono, col quale sia possibile empatizzare.

Il problema è che Bruno la fa troppo grossa. La redenzione è un processo che passa per l'ammenda, e l'ammenda deve, DEVE essere commisurata al peccato commesso. Un uomo che fa quello che Bruno ha fatto, che si comporta con famiglia e amici come Bruno si è comportato con famiglia e amici non può essere redento perché chiede scusa e dice "sono cambiato" (specie quando poi il film suggerisce neanche troppo velatamente che non è davvero cambiato affatto). Far dire da Bruno alla moglie "sono stato uno stronzo irresponsabile, è vero, mi dispiace: ma non posso perdere te e il bambino" non è abbastanza per redimerlo agli occhi dello spettatore. Non è abbastanza perché Bruno l'ha combinata troppo grossa, ha fatto una roba troppo brutta per essere perdonabile perché "eh, ma lo sappiamo com'è fatto, è incostante, è un sognatore, però che bella persona".

E non lo è perché no. Bruno non è una bella persona. E' un uomo di merda. E' un egoista, un bambino nel corpo di un adulto, un irresponsabile, un idiota e peraltro rompe anche il cazzo, come il film si premura di mostrarci subito quando cerca insistentemente di convincere Salvatore a seguirlo nella sua follia (e Salvatore ci sta perché anche in Italia il concetto di bromance sta ormai prendendo piede). E' anche un sognatore, sì, ma tutto il suo essere sognatore nella vita reale si traduce soltanto nell'utilizzare i soldi in modo stupido, scialacquare denaro che serviva per cose importantissime e mettere a rischio la sopravvivenza della propria famiglia in favore di un hobby destinato a fallire (tant'è che -- non faccio nessuno spoiler perché il film si apre con lui che vende le granite, quindi fate due più due -- la sua squadra di impiastri alle Olimpiadi non ci arriva mica, e i quattromila euro del fondo per gli studi del figlio finiscono persi, così come il suo lavoro).

Dice la tagline del film: un improbabile manipolo di eroi. E l'intenzione del film è palesemente quella, l'idea di mostrare un eroe del quotidiano che nonostante tutto ce la fa grazie alla forza dei propri sogni. Ma Bruno non ce la fa. Bruno è solo un imbecille che perde un mucchio di quattrini dietro a un'idea stupida e irrealizzabile. E a costo di suonare populista, gli eroi del quotidiano sono un'altra roba proprio, signora cara, ma un'altra roba proprio.
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
30 May 2014 @ 10:50 pm
Titolo: La Giovane Liz e il più Giovane Merlo
Sottotitolo: Mio padre la crocerossina e il baby!Merlo che attraversò Palermo in una scatola di scarpe
Rating: Potreste non dormire più un sonno tranquillo per tutto il resto della vostra vita.
Genere: Epico.
Riassunto: Miracoli della forza di gravità.




qui sotto ce n"è per una ventina di tweetCollapse )


txt versionCollapse )

La mia reazione preferita:


Arrivederci. *sventola manina*
 
 
Current Music: Yoav - Where Is My Mind feat. Emily Browning | Powered by Last.fm
 
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
09 April 2014 @ 10:19 am

ZANNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN
 
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
22 January 2014 @ 01:48 pm
"Non era da augurarsi che i prolet avessero forti sentimenti politici. Si richiedeva soltanto che nutrissero una specie di elementare patriottismo sul quale si potesse contare tutte le volte che fosse necessario aumentare le ore di lavoro e diminuire le razioni. E anche quando succedeva che tradissero segni di malcontento (il che, pure, qualche volta succedeva) non c'era da preoccuparsene perché, essendo sprovveduti di idee generali, riuscivano a concentrarlo solo in certe stupidissime lamentele su questioni specifiche e sempre di nessun conto. I mali maggiori riuscivano invariabilmente a sfuggire all'attenzione delle loro menti."
George Orwell, 1984 (1949)
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
Dai, è passato un altro anno e siamo ancora tutti qui, e stiamo ancora tutti bene, che è una cosa che uno tende a dare per scontata ma che in realtà non lo è, e della quale sono molto grata in questo momento XD Vengo da una settimana intera trascorsa con mio fratello e a stretto contatto con tutti i miei parenti, una cosa che mi ha scaldata molto e che vorrei poter fare più spesso. (Con moderazione, però, che da quando sono cominciate le vacanze di Natale non faccio che trascinarmi da un pranzo/una cena di famiglia a un altro/un'altra e la cosa comincia a diventare problematica XD)
Il 2013 non è stato un brutto anno, tutto sommato. Sono stata al Lucca Comics (apice di gioia dell'anno, negl), ho visto gli Editors dal vivo per la prima volta giurando eterno amore e fedeltà a quell'essere meraviglioso che Tom Smith è, ho visto i Muse dal vivo con ENTRAMBI I MIEI FRATELLI *ride male* E Matt ha ben pensato di farci sopra un DVD, proprio su quella data lì, Dio lo benedica. Mi sono messa seriamente a dieta ed ho cominciato effettivamente a perdere peso senza sentirla come un'imposizione ma facendolo solo per me stessa e per stare meglio, mi sono avvicinata di qualche passetto alla laurea, superando due scogli enormi, uno dei quali mi aveva dato problemi giganteschi ed apparentemente insormontabile l'anno scorso, ho portato a termine una storia che mi trascinavo dietro da due anni e che ha preso il posto di storia più lunga da me MAI scritta. Io e melting_lullaby abbiamo deciso la data del nostro anniversario! *ride* (Quando trascorri l'interezza della tua vita con qualcuno da sei anni a questa parte è difficile ricordarti il giorno preciso in cui tutto è iniziato, specie quando poi hai l'impressione che non sia mai davvero iniziato ma che sia semplicemente sempre stato lì. Quindi, io e la Tab abbiamo rinunciato a provarci e ne abbiamo semplicemente scelta una che si avvicinasse il più possibile al giorno in cui è ragionevole pensare io le abbia detto per la prima volta cosa provavo per lei XD)
Sono successe un po' di brutte cose nella RL, specie a parenti ai quali ero molto affezionata, ma fortunatamente tutte queste cose sembrano stare risolvendosi nel migliore dei modi. Ed un paio di notizie che mi sono giunte in ambito lavorativo mi danno tutte le ragioni per sperare che il 2014 possa essere l'anno del grande salto, se non direttamente verso la Toscana, quantomeno verso Roma come prima base dalla quale poi partire.
Insomma, sono contenta. Sono contenta di avere la Tab con me, di aver lavorato un altro anno per landedifandom con i miei adorati el_defe e faechan. Sono contenta perché quest'anno mi ha dato Free! *ride* E Free! mi ha dato la Caska (va be', la Caska è sempre stata con me, but still, questo è il primo fandom che VIVIAMO INSIEME -- e in parte creiamo XD -- per cui), la Lili, la Lift e la Hicchan, e successivamente la Mika, ma la Mika l'avevo avuta anche prima, per cui è stato solo qualcos'altro in più da condividere (a parte il mio amore insano e molesto per il suo gatto).
Sono contenta perché HO AVUTO PACIFIC RIM. Dai, un anno che ti dà Pacific Rim come fa ad essere un brutto anno?
E quindi, niente, è questo il momento di celebrare l'anno che si appresta a morire tramite i soliti meme fandomici di cui interessa pochissimo a pochissimi XD Ma che io faccio lo stesso perché mi diverto abbestia, ecco. Quest'anno sono anche più del solito! Quattro, invece dei soliti due, uno per le fic, uno per i libri, uno per le serie tv ed uno per il fandom in generale. Non siete contenti? Io sì, perché ora so cosa fare da qui a mezzanotte. *ride*

Qui sotto parlo a ruota libera delle fic che ho scritto \O/Collapse )

Qui sotto parlo a ruota libera dei libri che ho letto \O/Collapse )

Qui sotto parlo a ruota libera dei telefilm che ho guardato \O/Collapse )

Qui sotto, infine, parlo a ruota libera del mio anno fandomico \O/Collapse )

Enniente. Ho passato su questi meme almeno tre ore mentre cucinavo, ed è stato bellissimo XD Adesso mancano altre tre ore a mezzanotte, e penso che le passerò mangiando e vedendo che mi offre da guardare la tv. L'anno scorso mi diede Monster House! Non deludermi, televisione.

Buon anno a tutti :*
 
 
Current Music: Clazziquai Project - You Never Know | Powered by Last.fm
 
 
zia Lizzò ~ la leonessa sul comò
05 December 2013 @ 03:28 am
Perché non ho sonno? T_T Perché? Dovrei averne. E invece. *si fissa riflessa nello specchio del pc alle tre del mattino con gli occhi enormi causa insonnia molesta*
Ma! basta parlare dei miei impertinenti e malsani cicli del sonno. E' di nuovo quel periodo dell'anno, quello in cui tutti impazziamo per la Maritombola che el_defe cerca ogni anno di cancellare dall'esistenza senza riuscirci perché la Maritombola è IMMORTALE e se solo ci azzardassimo a cancellarla la nostra utenza insorgerebbe con tale fragore da dare inizio all'Apocalisse.
Fortunatamente anche quest'anno l'womo è stato ignorato e la minaccia è stata scampata, e io vi mostro il frutto della mia arte:


Cose belle.

Numero di personaggi
9. 2
Potrebbe essere letteralmente qualsiasi cosa. Io scrivo sempre di coppie.

Oggetti
12. Pc portatile
Storia ambientata nel futuro del Leoverse con protagonisti Timmy (il figlio di Blaine) ed Alex (il figlio di Cody e suo marito Vincenzo ♥), che racconta di come la loro relazione si sia evoluta da friends with benefits casuali durante le vacanze estive a friends with benefits seriali via magico internet.
19. Contrabbasso
COULSON/MAY \O/ Because. Of reasons. Sarei stata più felice di avere "violoncello", come prompt, così avrei potuto scrivere la violoncellista!May fic che ho promesso a faechan, ma visto che ho avuto solo un contrabbasso darò a Coulson un kink per le donne che suonano strumenti orchestrali a corda e farò suonare a Melinda il contrabbasso. E' sexy come il violoncello, loggiuro.

Luoghi
21. Scuola
Il seguito di All This And Heaven Too! Evviva gli AU scolastici ed evviva il Dimiguel.
24. Negozio di caramelle
Il seguito di A Beautiful Sunset Mistaken For Dawn! Con melting_lullaby. L'impresa è titanica, stiamo parlando di una storia enorme, ma clpf. E' da un sacco che vogliamo scriverla, forse la Maritombola ci darà la spinta giusta *_*/
30. Deserto
Molto probabilmente sarà qualcosa ambientato nell'arab!AU di Free! XD Ma potrebbe anche essere un altro pezzetto delle minthechronicle, tipo il viaggio di Dan, Inye (e suo padre, e sua sorella, e l'enorme gatto alieno di Dan) verso le montagne e il sommo Yor :3 Chissà.

Canzoni
32. In Punta di Piedi, di Nathalie
Probabilmente sarà del RinAi \O/ Ma dipende.
40. Blue Caravan, di Vienna Teng
Introspettiva breve ed angst su Leo e quanto si sente vuoto e spento da quando ha perso Blaine \O/ Leoverse, ovviamente. Perché, scrivo altro, di questi tempi?

Immagini
41. Raquel Zimmermann by Mario Sorrenti
PORNOGRAFIA \O/ Questa è RinAi sicuramente perché c'è lo shibari e solo il RinAi tocca queste vette di bellezza e badwrong.
45. Owe Zerge
Boh, sono due ragazzini nudi che fanno la lotta, probabilmente saranno calciatori XD

Dialoghi
58. “Credi che mi starebbe bene?” / “Non credo. Ma tu lo indosserai comunque.”
Idk, una cosa breve e puccina su Blaine e Sam(antha) X3 E' una vita che voglio scrivere una roba su questi due pre-Leo, magari è la volta buona. Leoverse, ofc.

Trope
66. The World Ends Tomorrow
Non lo so ancora, ci devo riflettere. *mumble*
67. Save The Villain
Non so ancora bene con certezza, ma molto probabilmente sarà qualcosa su Loki. Thorki, obv.
68. Bizarro Universe
AU sul Leoverse ambientata nel padre di tutti i bizarro universe, Wonderland ♥ Con Alice!Cody, CheshireCat!Leo e MadHatter!Blaine ♥ Lots and lots of porn.

Florigrafia
73. Dente di leone: civetteria
Onestamente non ne ho idea. *lacrima*

Riuscirà la nostra eroina a fare tombola, o anche quest'anno si limiterà ad una randomica combinazione di due o più numeretti? Restate con noi per scoprirlo dopo la pausa pubblicitaria (lunga un mese e qualcosa).